Stampa
Categoria principale: Supplemento murale
Categoria: Anno 2017
Visite: 7482
suppl15 5 2017
 
(File PDF)
 
Le disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle citta’, meglio note come “Daspo urbano” territorializzano in modo capillare il controllo militarizzato delle citta’, lanciato nel 2008 dal governo Berlusconi-Bossi-Fini contro lavavetri graffitari ambulanti senza licenza immigrati senza permesso di soggiorno giovani disoccupati.
- Il governo Gentiloni-Minniti-Orlando partorisce un apparato di forza integrato composto da polizia e carabinieri diretto da prefetti magistrati sindaci appoggiato da volontari col compito di reprimere imbavagliare scacciare dal territorio limitare la libertà di movimento di disoccupati immigrati bisognosi ribelli antagonisti a protezione dellaproprieta’ privata e della rendita immobiliare.Respingere in blocco il nuovo arnese di guerra statale. Guerra di classe contro chi pianifica la tranquillità dei ricchibastonando i poveri. Promuovere allargare l’autodifesa nei quartieri popolari. Resistere alle cacciate e ai rastrellamenti. Contrattaccare le ronde dei sindaci sceriffi appoggiate da razzisti e neofascisti. Coinvolgere giovani e giovanissimi. Curare l’armamento proletario (I)
- Una maxi retata di polizia inaugura a Milano il “Daspo urbano” – Fermati in P.le Duca d’Aosta davanti la stazione centrale 52 migranti e tradotti in questura Unirsi per respingere il nuovo piano di controllo militarizzato del territorio Formare i comitati proletari di autodifesa in ogni quartiere popolare della città Esigere alloggi decenti e mense gratuite per senza tetto e senza salario Costruire una rete di organismi di autodifesa per far fronte ai bisogni immediati di vita di colpiti e bisognosi e alle esigenze della lotta contro il controllo territoriale militarizzato – Guerra di classe alla guerra statale.
                                                                  - La manifestazione del sindacalismo conflittuale a Milano per il 1° Maggio